GRUPPO SOGIN: PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE

Comunicati stampa

FILCTEM CGIL – FLAEI CISL – UILTEC

NOTA STAMPA  

GRUPPO SOGIN: PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE

Cinque lavoratori obbligati a lasciare l’Azienda, un premio di risultato per i dipendenti inferiore allo scorso anno e una strategia aziendale discutibile: questi i motivi della proclamazione dello stato di agitazione di tutte le Aziende del Gruppo SOGIN

Nonostante un recente accordo quadro firmato tra Azienda SOGIN e Organizzazioni sindacali sul tema “occupazione” che , oltre ad affrontare la questione della stabilità occupazionale poneva le basi per un rilancio delle relazioni sindacali – interrotte a seguito di rigidi atteggiamenti Aziendali – purtroppo, nei fatti,  inequivocabili azioni hanno lasciato trasparire una volontà aziendale diversa da quella dichiarata.

Cinque lavoratori sono stati obbligati a lasciare l’Azienda; è stato messo in discussione il premio di risultato, riconoscendo ai lavoratori un importo inferiore al premio dello scorso anno, senza peraltro riconoscere alcun aumento aggiuntivo; è stato rescisso un contratti con Saipem con effetti significativi sui risultati attesi.

La politica aziendale sembra, dunque, andare nella direzione opposta a quella dichiarata e sottoscritta in accordo con le OO.SS. 

L’accordo, infatti, prevedeva di:

– valorizzare il ruolo delle relazioni sindacali; 

– mettere in campo tutte le leve per preservare i livelli occupazionali; 

– continuare ad avvalersi delle professionalità sulle quali l’Azienda ha investito (somministrati); 

– garantire la copertura delle posizioni obbligatorie; 

– attuare un confronto finalizzato a valutare una nuova intesa sugli esodi facendo riferimento alle esperienze fatte nel settore; 

– attuare politiche di re-impiegabilità anche attraverso la mobilità infra-gruppo stabilendo delle modalità comuni e coinvolgendo la periferia sulle coperture delle posizioni obbligatorie e sulla stabilizzazione del personale; 

– attivare la commissione paritetica sulla formazione; 

– incentivare strumenti flessibili (lavoro agile). 

Inoltre, l’Azienda si era impegnata a portare a compimento l’accordo “sul premio di risultato”, oltre i vari temi in itinere. 

Un atteggiamento così contraddittorio da parte della SOGIN è inaccettabile e, in ragione di ciò, è stato chiesto un incontro urgente che – se sarà disatteso – porterà alla dichiarazione dello stato di agitazione di tutto il personale dipendente dell’intero Gruppo SOGIN.

PER INFORMAZIONI: DANIELE BOVOLENTA, FILCTEM CGIL, CELL. 335 274619

Related Articles

Back to Top


http://www.cgil.it
http://www.cgilpiemonte.it
© CGIL VERCELLI VALSESIA - CF: 80007560024