filctem
Commenti disabilitati su Il Governo taglia i fondi per smantellare il nucleare: a rischio le attività di Sogin, la sicurezza dei lavoratori e delle comunità limitrofe ai Siti nucleari 45

Il Governo taglia i fondi per smantellare il nucleare: a rischio le attività di Sogin, la sicurezza dei lavoratori e delle comunità limitrofe ai Siti nucleari

FILCTEM, News

Era il 6 marzo 2023, quando in un presidio di lavoratori della Sogin che vedeva la delegazione piemontese in prima linea, la FILCTEM CGIL chiedeva chiarezza sul futuro Aziendale davanti al MEF. È infatti da tempo che come Organizzazione sindacale lamentiamo una cronica carenza di personale sui siti piemontesi, solo parzialmente sanata dalle ultime assunzioni che abbiamo ottenuto a seguito di una specifica vertenza. Ora giunge da Roma la notizia del taglio dei finanziamenti per smantellare il nucleare che rischia di ridurre, se non azzerare, non solo l’integrazione di nuove risorse umane, ma soprattutto le risorse economiche necessarie per terminare lo smantellamento degli impianti e concludere la ‘stagione nucleare italiana’. 

Dulcis in fundo, una contrazione di questi finanziamenti potrebbe avere riflessi diretti o indiretti sul mantenimento in sicurezza degli impianti e dei lavoratori. Per questo, l’appello della FILCTEM CGIL al Governo, e a tutte le Istituzioni competenti, è di rivedere questa linea di riduzione dei fondi al Decomissioning chiedendo rispetto e sensibilità nei confronti dei lavoratori di Sogin e delle comunità limitrofe ai Siti nucleari che richiedono, da anni, una celere conclusione in sicurezza delle attività.

La vertenza Sogin 

Era il 16 dicembre 2022 quando FILCTEM CGIL e UILTEC UIL si mobilitarono, come uniche Organizzazioni sindacali, in uno sciopero nazionale contro la manovra finanziaria voluta dal Governo Meloni che, all’articolo 6, spostava il finanziamento per lo smantellamento delle centrali e degli impianti nucleari italiani nella fiscalità generale, mettendo a rischio la loro messa in sicurezza, a fronte di una presunta riduzione degli “oneri impropri” dalle bollette elettriche. 

Poco più di un anno dopo, il Governo decise di apportare i primi tagli dando pieno fondamento ai nostri timori, infatti: secondo la manovra finanziaria 2022, i costi riconosciuti per lo smantellamento delle attività nucleari residue, ammontavano a 400 milioni di euro annui (per attività relative al Deposito nazionale e al Parco Tecnologico e le misure di compensazione territoriale) ma con l’ultima Legge finanziaria, il Governo ha tagliato 105 milioni di euro a questo finanziamento per coprire gli effetti relativi alla revisione dell’IRPEF e alle detrazioni fiscali delle Regioni a Statuo speciale e Province autonome. Come se non bastasse, con un emendamento al Decreto Milleproroghe, ora in discussione alla Camera dei Deputati, si propone un’ulteriore riduzione di 45 milioni di euro da devolvere alle Regioni a Statuto ordinario. Siamo solo a febbraio 2024 e il Governo ha già tagliato quasi il 50% del finanziamento disponibile per le attività di smantellamento. Una decisione che rischia di compromettere gravemente l’efficacia e la sicurezza delle attività di Sogin. 

Per tutte le ragioni sopra esposte, la FILCTEM CGIL ribadisce la richiesta – al Governo e a tutte le Istituzioni – di rispettare i lavoratori di Sogin e le comunità limitrofe ai Siti nucleari.

Related Articles

Back to Top


https://www.cgil.it
https://www.cgilpiemonte.it
© CGIL VERCELLI VALSESIA - CF: 80007560024